Succivo, Papa fa un passo avanti e si propone come candidato sindaco al gruppo di maggioranza

SUCCIVO. Manca solo l'ufficialità per la candidatura a sindaco di Salvatore Papa, attuale numero 2 dell'Ente di piazza IV novembre, alle prossime elezioni comunali del 2021.

Il vice sindaco è uscito allo scoperto durante una riunione di maggioranza che si è tenuta martedì pomeriggio. Nel corso dell'incontro, convocato dal sindaco Gianni Colella per "sondare gli animi" in vista della tornata elettorale dell'anno prossimo, lo stesso Colella avrebbe fatto intendere di non essere intenzionato a correre nuovamente per la fascia tricolore, rispettando, di fatto, l'accordo stretto prima delle elezioni comunali del 2016 che prevedeva, per quella tornata elettorale, il dietrofront di Papa che lasciò il posto da capolista all’attuale sindaco Colella che a sua volta farà un passo indietro nel 2021 per dare spazio a Papa.

Il numero 2 ha quindi espresso ai presenti la volontà di candidarsi per la fascia tricolore ottenendo i consensi della maggior parte dei membri del gruppo di governo tra cui il fedelissimo Aniello Tessitore, il presidente del consiglio Raffaele Ercolano, il consigliere comunale Gabriele Luongo e l'assessore alla pubblica istruzione Anna Russo (assente alla riunione Imma Marsilio per motivi personali). In due, per ora, non sembrerebbero essere intenzionati ad avallare la candidatura di Papa: l'assessore ai lavori pubblici Claudio Perrotta (706 preferenze nel 2016) e l'assessore alle politiche sociali Valentina Iovinella (1033 preferenze nel 2016). Il primo avrebbe chiesto delucidazioni in merito al progetto politico mentre la seconda ha sottolineato la necessità di organizzare un confronto singolo con l'attuale vice sindaco.

Oltre a Papa, ad oggi, ad aver espresso in più occasioni la volontà di presentare una lista alle elezioni 2021 è Franco Dell'Aversana, tenente dei vigili urbani e responsabile di settore a Sant'Arpino. E' ancora in fase embrionale, invece, il progetto politico che stanno portando avanti Raffaele Auletta e Vincenzo Pastena. Quest'ultimo il 14 luglio 2020 ha smentito una sua auto candidatura a sindaco tramite un post Facebook con cui, però, ha confermato che sta partecipando da tempo ad incontri di natura politica.
"Smentisco una mia auto candidatura a sindaco, - scrive Pastena nel post Facebook - sebbene non posso non dire che da tempo un gruppo di persone si sta confrontando sui temi di maggior interesse per il paese, senza, però, aver mai parlato di cariche ed incarichi".

Invece non sembrerebbe essere intenzionato a scendere nuovamente in campo Gennaro Serra, ex assessore ai lavori pubblici imparentato, che, però, non ha escluso una partecipazione attiva alla prossime elezioni, indipendentemente dalla candidatura. Durante la campagna elettorale per le regionali ha lavorato quotidianamente (chiudendo anche qualche "mezzo" accordo elettorale che potrebbe essere collegato alle comunali) per Pietro Smarrazzo che ha ottenuto 303 preferenze a Succivo.

"Al momento, nonostante le numerose richieste, - ha dichiarato Serra, interpellato sull'argomento - confermo la mia non disponibilità e interesse per una eventuale candidatura a sindaco e credo che ci siano donne e uomini validi che potrebbero ricoprire questo incarico ai quali darei il mio sostegno. Non escludo il mio coinvolgimento alle prossime comunali, e mi riferisco a una partecipazione attiva che prescinda dalla candidatura e dal ruolo. È una decisione che maturerò con un gruppo di amiche e amici: valuteremo le condizioni, faremo delle scelte.".

Infine, dal gruppo di opposizione "Primavera Succivese" hanno fatto sapere che, per ora, sono focalizzati solo sull'attività amministrativa che terminerà tra 9 mesi in concomitanza con la fine della consiliatura (che potrebbe essere interrotta prima in caso di dimissioni del sindaco Colella).

"Per ora siamo impegnati nel seguire le vicende amministrative in corso. - hanno fatto sapere dal sodalizio di minoranza - È nostro intento assolvere al nostro ruolo di forza di minoranza consiliare fino in fondo. Per quanto concerne la prossima tornata elettorale, chiaramente Primavera sarà un soggetto in campo, perché sia i 5 anni di amministrazione che quelli di opposizione dimostrano la fermezza di un gruppo di persone che ha consolidato un progetto politico vero (e non un mero cartello elettorale), basando la propria azione sulla competenza e sull'asaunzione di ogni responsabilità. Rispetto a qualche mese fa lo scenario appare più vivace, vuoi per gli stimoli connessi alle elezioni regionali vuoi l'approssimarsi della prossima competizione cittadina. Ma ci auguriamo che ci possano essere momenti di confronto con nuove risorse del paese, tali da consolidare un progetto che ha come unico interesse assicurare una migliore vivibilità ai cittadini".

Id.Ur.

(Visited 1.171 times, 1 visits today)
Share