Orta di Atella. Coronavirus. Gli esponenti dell’ex maggioranza chiedono la sospensione dei tributi locali

Orta di Atella   I componenti delle forze politiche che sostenevano l'esecutivo cittadino guidato dall'ex sindaco Andrea Villano, a seguito del diffondersi della pandemia di coronavirus, chiedono alla Commissione Straordinaria che regge il comune atellano "di sospendere, per un tempo ritenuto congruo, le scadenze fissate dai regolamenti dell'ente relativamente al pagamento dei tributi nonché quelle relative a rateizzazioni, versamenti spontanei, avvisi bonari di pagamento, e adempimenti tributari fissati da norme regolamentari; nonché  di sospendere, per un tempo ritenuto congruo, le attività di invio ed emissione di avvisi di pagamento ordinari e supplementari, atti di accertamento esecutivi di cui alla Legge n. 160/2019, ingiunzioni di pagamento, intimazioni di pagamento, atti di precetto, diffide ad adempiere, azioni esecutive e cautelari, inviti o solleciti di pagamento".

Nella Pec inviata ai rappresentanti della Prefettura,  Villano e gli esponenti dell'ultima amministrazione e dei gruppi politici che hanno sostenuto la stessa rimarcano come "i diversi decreti e ordinanze sia di livello nazionale che regionale, emessi in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID - 19, hanno tra le altre cose determinato la interruzione di numerose attività commerciali, artigianali e cantieri edili. Dette misure incidono in modo pesante ed uniforme sulla economia cittadina formata per lo più da piccole attività commerciali e manodopera nel campo dell’edilizia, molte delle quali attinte direttamente dal provvedimento di sospensione dell’attività e di chiusura parziale o totale. La sospensione e la riduzione delle sopra richiamate attività avrà sicuri riflessi sull'economia delle imprese commerciali del territorio che subiranno un calo delle presenze dovuto sia alle misure adottate che alla riduzione dell’indotto economico per riduzione clientela. Appare doveroso, quindi,  assicurare un sostegno, anche extra ordinem, per quanto di competenza dell'ente, in materia di fiscalità locale in relazione a possibili deroghe dei termini di pagamenti e degli adempimenti tributari previsti dai regolamenti comunali. Pertanto, a nostro avviso, occorre adottare, stante l'emergenza in atto, misure volte ad evitare ulteriori problematiche, anche di ordine economico - finanziario, non solo alle aziende commerciali, ma a tutta la cittadinanza, quali la sospensione le scadenze fissate dai regolamenti dell'ente".

(Visited 1.018 times, 1 visits today)
Share