Sant’Arpino. La maggioranza compatta replica a Di Santo. “Resterai nella storia per le tue vicende giudiziarie e per aver ridotto sul lastrico il Comune”

Sant'Arpino     Riceviamo e pubblichiamo da Caterina Tizzano, Loredana Di Monte, Giovanni D'Errico, Gennaro Capasso, Salvatore Lettera, Ernesto Di Serio, Ivana Tinto, Pina Drea, Gennaro Vitale ed Elpidio Maisto.

" I sottoscritti assessori e consiglieri comunali, in merito alle volgari affermazioni a mezzo stampa di un ex sindaco che ha ridotto sul lastrico il comune e che resterà nella storia di Sant'Arpino per le sue vicende giudiziarie, precisano che: 1) Il sindaco Dell'Aversana gode della nostra fiducia per il suo operato cristallino. Mai ha anteposto interessi personali in alcuna vicenda amministrativa. Ricordiamo che i cittadini di Sant'Arpino hanno,  un debito da pagare di  oltre 270 mila euro per lo spostamento "rocambolesco" della farmacia comunale fatto dall'ex sindaco. Un debito che invece dovrebbe pagare lui con le proprie tasche. 2) Il nostro dibattito politico interno sono cose per lo stesso incomprensibili, visto il livello dei suoi accoliti. 3) Il PUC elaborato da questa maggioranza era e resta un valido strumento di distribuzione dei volumi edificatori residui a molti cittadini che il sindaco di "quando Berta filava" aveva invece  distribuito a pochi. 4) Per quanto riguarda la Sogert, gli affidamenti alle ditte vengono fatti dagli uffici e non dal sindaco. Possiamo però comprendere l'allergia a pagare i tributi comunali da parte di qualcuno. 5) Per l'Unione dei comuni atellani fondata da Dell'Aversana come strumento di coordinamento e poi trasformata da altri in un  carrozzone clientelare, ricordiamo all'ex sindaco che lo aspetta un  debito da saldare  per aver conferito di suo pugno incarico di segretario senza copertura finanziaria. 6) Rammentiamo all'ex sindaco che ci ha lasciato la Multiservizi piena di debiti e senza bilanci approvati.  7) Il campo sportivo prima del 2016 era  utilizzato da società sportive a spese della collettività,  noi  l'abbiamo dato in affido con oneri a carico del privato portando risparmi alle casse comunali. 8) Nel settore pubblica Istruzione  abbiamo evitato la chiusura del Liceo Scientifico "Siani " aperto invece da lui senza alcuna idonea certificazione. Inoltre abbiamo reperito finanziamenti extra bilancio per mettere in sicurezza tutti gli edifici scolastici ed abbiamo completato e messo in funzione un asilo nido che era un rudere.  9) In merito  alle sue  vacanze esibite come fossero viaggi transoceanici, tutti apprezzano invece la signorilità del nostro sindaco che non ha bisogno di ostentare i suoi luoghi di vacanza. Viceversa registriamo  un esibizionismo cafonesco  non rispettoso dei tanti che sono costretti a restare a casa per la crisi da covid.  10) Infine,  nel ribadire la differenza abissale di spessore culturale e morale del nostro sindaco, precisiamo che solo per motivi familiari Giuseppe Dell'Aversana ha deciso di non candidarsi e vincere  per la quarta  volta la competizione elettorale con il nostro pieno sostegno".

(Visited 615 times, 1 visits today)
Share