Orta, maxi operazione interforze: sequestrata l’area P.I.P. di via Bugnano. Dieci le persone denunciate

ORTA DI ATELLA. Stamattina alle 10, nel territorio comunale di Orta di Atella è scattata un'operazione interforze finalizzata al contrasto nella cd. “terra dei fuochi” per reati in danno all’ambiente.

In campo la Polizia Municipale agli ordini del Comandante Cap. Pasquale Pugliese, i Carabinieri della stazione di Orta di Atella agli ordini del Comandante M.llo Maggiore Antonio Di Resta, i militari del gruppo dei Carabinieri forestali di Caserta ed in supporto l’ARPAC di Caserta e il responsabile dell’ufficio Ambiente del Comune ing. Aniello Scafuto.

L’area PIP di Via Bugnano ambito 22 veniva utilizzata quotidianamente per l’abbandono di ingente quantitativo di rifiuti solidi urbani, rifiuti speciali e pericolosi, anche in alcune occasioni dati alla combustione illecita. Un’area di 20.000 mq. diventata una vera e propria discarica di rifiuti, tali da costituire un serio e concreto pericolo per la salute dei cittadini. 

L’intera area di 20.000 mq. è stata posta sotto sequestro penale, vietando l’accesso ed il transito veicolare e pedonale. Un provvedimento di iniziativa della PG operante e necessario affinché il reato non porti a ulteriori conseguenze.

Denunciati alla Procura della Repubblica di Napoli Nord il Presidente del Consorzio e i rappresentanti legali della nove società consorziate. Le ipotesi di reato sono svariate per reati in danno all’ambiente, rimarcando la condotta tipica e reiterata nel tempo per non aver impedito l’abbandono di rifiuti nell’area ceduta a titolo di proprietà.

Sulla questione intervenne poche settimana prima anche il Tgr Campania denunciando l’inquinamento ambientale e il degrado dell’area.

Complessa e articolata la ricostruzione della cessione della aree. Le aeree della zona PIP cedute dal Comune il 2007 obbligavano i privati ad effettuare opere di urbanizzazione, realizzazione di servizi comuni, manutenzione dell’area. Proprio in virtù dell’art. 15 dello schema di cessione delle aree “i singoli consorziati, in solido con il consorzio, restano obbligati a partecipare alle quote di spesa per la gestione e la manutenzione nell’area P.I.P. delle opere di urbanizzazione e servizi comuni. Il consorzio assegnatario, sotto il controllo e la vigilanza del Comune, assume la gestione delle aree P.I.P., delle opere di urbanizzazione e servizi comuni senza alcun onere per l’amministrazione comunale”.

Infatti le aree assegnate in diritto di proprietà al Consorzio Atella Moda e la successiva compravendita delle aree da parte dei consorziati furono assegnate per la creazione di un polo per la moda nel settore tessile, abbigliamento e manifatturiero. A distanza di anni nessuno dei lotti risulta edificato e/o finito e le aree sono in evidente stato di abbandono.

Una storia che va avanti dal 2007 e che il Comune di Orta di Atella finora non era mai riuscito a risolvere.

La Commissione Straordinaria presieduta dai Vice Prefetti Buccino,  Falasca e dal Dirigente del Ministero dell’Interno Guerriero si è subito occupata della complessa questione emanando un’Ordinanza Contingibile ed Urgente a tutela della salute pubblica che obbligava il Consorzio Atella Moda in solido con i consorziati alla immediata rimozione dei rifiuti. Trascorsi 15 giorni il Comandante della Polizia Municipale Cap. Pasquale Pugliese constatava l’inottemperanza procedendo agli atti di Polizia Giudiziaria conseguenti in collaborazione con i Carabinieri.

(Visited 692 times, 2 visits today)
Share

Un pensiero riguardo “Orta, maxi operazione interforze: sequestrata l’area P.I.P. di via Bugnano. Dieci le persone denunciate

  • 11 Agosto 2020 in 21:17
    Permalink

    Scusate ma la via San Michele il tratto che va verso BRP distributore di benzina abbandonato da anni dove si sversa di tutto dall: amianto a rottami di auto tutto vicino a palazzi abitati forse è terra di nessuno ,? fino a che tutto verrà fuori attraverso i media allora forse qualcuno se ne prenderà carico

I commenti sono chiusi