Sant’Arpino. Emergenza rifiuti. Il sindaco Giuseppe Dell’Aversana “La mancata raccolta è dovuta da una protesta sindacale dei lavoratori del Gruppo Barbato”

Sant'Arpino      Riceviamo e pubblichiamo dal sindaco di Sant'Arpino, Giuseppe Dell'Aversana.

"Si comunica a tutta la cittadinanza che l'emergenza rifiuti non dipende dal comune, gli operatori ecologici del gruppo Barbato Holding hanno attivato una "procedura di raffreddamento" perché non hanno percepito lo stipendio di ottobre dalla loro azienda. Siamo di fronte ad un'iniziativa sindacale da parte degli operai che rivendicano il loro stipendio. I rifiuti non vengono raccolti, strada per strada, in modo costante, per sollecitare il pagamento delle spettanze arretrate.

L'emergenza nasce da una protesta sindacale ove il comune non ha colpe. Ogni mese puntualmente abbiamo sempre pagato il canone all'azienda che svolge il servizio di raccolta rifiuti sul territorio. Ora purtroppo, le somme dovute dal comune all'azienda Barbato Holding sono "congelate"per legge. L'azienda Barbato Holding non ha ancora pagato il mensile ai suoi dipendenti perché non ha incassato dal comune il canone di ottobre. Il mancato pagamento è dovuto ad un pignoramento del canone da parte un creditore che attraverso un'azione giudiziaria ha bloccato sul conto corrente del comune il canone di ottobre della Barbato Holding.  Il pignoramento deciso dal giudice, IMPEDISCE AL COMUNE di pagare il canone all'azienda, che a sua volta non può pagare gli operai. Il comune NON può pagare poiché l'azienda aveva dei debiti ed il giudice ha pignorato il canone mensile di ottobre presso il comune per soddisfare il creditore della Barbato Holding. Ci scusiamo per il disagio con la cittadinanza, comprendiamo lo stato d’animo dei lavoratori e allo stesso tempo chiediamo collaborazione in quanto noi stiamo facendo il possibile per fagli percepire il loro stipendio.  Confidiamo nella disponibilità dell'azienda per la soluzione a breve del problema, rispetto al quale ci stiamo attivando con tutte le nostre forze nell'ambito della possibilità che la legge consente".

 
(Visited 573 times, 1 visits today)
Share