Sant’Arpino. L’amministrazione comunale “Sui rifiuti siamo favorevoli sia al consiglio comunale aperto che ad una commissione di inchiesta”

Sant'Arpino.      Riceviamo e pubblichiamo dall'amministrazione comunale di Sant'Arpino.

"In merito al consiglio comunale aperto sul tema dei rifiuti, quest'amministrazione comunale ribadisce la piena  adesione all'iniziativa promossa dal professore Giuseppe Limone. La conferenza dei capigruppo, luogo deputato alla decisone, ha già concordato di rivedersi per stabilire tempi e criteri per lo svolgimento. L'appello, sebbene strumentalizzato da alcuni settori dell'opposizione, per noi è un invito a nozze, è una magnifica occasione per dimostrare il lavoro fatto in questo settore dall’insediamento della nostra amministrazione e le grandi zone d'ombra del passato che hanno portato il paese non solo ad essere tra le maglie nere della Raccolta differenziata in Campania ma anche a sostenere spese assurde a cui sono seguiti  ruoli suppletivi a danno dei cittadini. 

Noi vogliamo un consiglio comunale aperto con ampia partecipazione popolare, per dimostrare con dati e leggi alla mano la crassa ignoranza e la mala fede di alcuni  oppositori e la totale incapacità amministrativa di chi adesso sputa sentenze senza conoscere niente. Vogliamo il consiglio comunale aperto, per dimostrare la netta differenza tra noi e chi ci ha preceduto. Negli anni  2015/2016  la raccolta differenziata era al 40%  con noi è salita al  65,16% nel 2018. Prima di noi si spendevano  60 mila euro per lo smaltimento dei rifiuti ingombranti, con la nostra amministrazione, per lo stesso servizio, si sono spesi zero euro. Vogliamo far conoscere come con l’amministrazione precedente nel 2015 si faceva un piano economico/finanziario TARI di  €2.248.785,77 ed invece nel 2019 il piano economico/finanziario a carico dei cittadini è sceso più di 400 mila euro costando €1.825.923,62. Aspettiamo quindi con ansia il consiglio comunale aperto per dimostrare l’ottimo risultato  ottenuto in questi anni nel campo dei rifiuti, la notevole diminuzione dei costi, la percentuale di differenziata ottenuta e siamo convinti che c'è la necessità anche di una commissione consiliare speciale d' inchiesta come prevista  nell’art. 15 dello Statuto e l’ar. 62 del Regolamento del Consiglio Comunale per capire anche cosa è successo nell'immenso buco nero degli anni scorsi, quando la trasparenza era un optional. Abbiamo dato pieno mandato al nostro capogruppo ed al presidente del consiglio comunale di concordare tempi e modalità per lo svolgimento, quanto prima, del consiglio comunale aperto, sperando in una massiccia partecipazione popolare".

Martedì 21 gennaio si riunirà la commissione dei capigruppo che insieme alla Presidente del civico consesso stabilirà la data di questo civico consesso.
(Visited 430 times, 1 visits today)
Share