Sant’Arpino. Reddito di cittadinanza. Il comune si avvia a chiamare i percettori per lavori di Pubblica Utilità.

Sant'Arpino     È stato approvato  dalla giunta l’attivazione del catalogo dei  Progetti utili alla collettività  (PUC)  da svolgere con i beneficiari del Reddito di cittadinanza per impegnarli in lavori a beneficio della comunità. I PUC  rappresentano un’occasione di inclusione e di formazione per le persone che ne usufruiranno e  saranno strutturati in coerenza con le competenze professionali dei beneficiari.

Le attività dei percettori del reddito di cittadinanza potranno essere espletate negli ambiti sociale, culturale, artistico, ambientale, tutela di beni comuni e saranno svolte per almeno otto ore settimanali." L'amministrazione comunale intende promuovere una politica attiva di lotta alla povertà, e favorire l' attivazione  di progetti utili alla collettività,- ha dichiarato il sindaco Giuseppe Dell'Aversanae  ha  istituito un catalogo dei PUC, aperto, implementabile e in continuo aggiornamento, tramite un metodico processo di verifica dei bisogni e delle esigenze della comunità." Il  reddito di cittadinanza istituto  quale misura di politica attiva del lavoro e di contrasto alla povertà, condiziona l'erogazione del beneficio alla dichiarazione di disponibilità al lavoro e adesione ad un percorso personalizzato che prevede attività al servizio della comunità e definisce le modalità di adesione per coloro che devono essere convocati dai Centri per l'impiego per la sottoscrizione dei Patti per il lavoro e coloro che devono essere convocati dai servizi sociali. Con successivi atti di Giunta i PUC da attivare verranno comunicati  nell'apposita sezione della Piattaforma GEPI per essere resi disponibili ai responsabili della valutazione multidimensionale finalizzata alla definizione del Patto per l'inclusione sociale. "I nostri Progetti saranno strutturati in base alle propensioni emerse nel corso dei colloqui sostenuti con l’assistente sociale del Comune, con l’obiettivo di costruire interventi su misura. Verrà definito un patto per l’inclusione sociale che prevede specifici impegni da parte del beneficiario con il supporto da parte dei servizi territoriali - dichiara l'assessore con delega alla legge 328 Salvatore Lettera-i costi necessari all'attivazione dei PUC, inclusi quelli derivanti dalle assicurazioni presso l'INAIL e per responsabilità civile  saranno a carico del Fondo povertà nei limiti delle risorse assegnate al nostro Ambito territoriale C6 e secondo le indicazioni contenute nei decreti di riparto del Fondo medesimo". Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali a  giugno 2020, ha prorogato la sospensione dei termini per là convocazione dei beneficiari del RDC ai fini della sottoscrizione dei Patti per il lavoro e dei Patti per l'inclusione sociale a seguito del protrarsi dello stato emergenziale COVID-19. Il comune di Sant'Arpino ha messo in moto il procedimento amministrativo, per  utilizzare i percettori del reddito di cittadinanza in progetti utili alla collettività. Appena l'ambito C6  invia le risorse economiche saranno attivati i PUC e convocati i percettori del reddito di cittadinanza, la mancata partecipazione comporterà la decadenza del beneficio

   
(Visited 1.323 times, 1 visits today)
Share