Emergenza Covid. I sindaci dell’agro aversano “L’Asl e la Regione applichino protocolli chiari. Se necessario il governo invii l’esercito”

Agro Aversano     Riceviamo e pubblichiamo dai sindaci dell'agro aversano.

" Nel pomeriggio di oggi, lunedì 9 novembre, si è svolta in modalità telematica una riunione del coordinamento dei sindaci dell’Agro aversano per fare il punto della situazione sull’emergenza in atto. Abbiamo istituito un tavolo permanete di emergenza per affrontare in modo unitario questo drammatico momento. Alla luce del forte incremento della curva epidemiologica nei territori che amministriamo, i contagi continuano a salire e ogni giorno si moltiplicano le segnalazioni di ritardi nell’esecuzione dei tamponi o mancata assistenza ai cittadini. Noi sindaci, con grande senso di responsabilità, continuiamo ad essere vicini, a cercare di dare risposte e servizi adeguati ai nostri concittadini, ma siamo purtroppo arrivati ad un punto di grande criticità.

Chiediamo, pertanto, alla Regione Campania e all’Asl Caserta di attuare protocolli di comunicazione chiari e soprattutto tempestivi. Comprendiamo le difficoltà del momento e sappiamo che le aziende sanitarie locali, con le loro strutture distrettuali, sono sotto stress e hanno pesanti carenze di organico ma riteniamo inaccettabile che le comunicazioni di nuove positività vengano effettuate dopo giorni, visto che questo ritardo si ripercuote sull’attivazione dei servizi di assistenza e supporto comunale. Ma ciò che non può essere più tollerato è il ritardo nell’esecuzione dei tamponi, soprattutto di guarigione, cui spesso bisogna aggiungere giorni e giorni di attesa per la comunicazione dell’esito. Abbiamo tutti esultato, pochi mesi fa, per l’uscita dal commissariamento della sanità regionale. Ebbene è giunto il momento che questo passaggio burocratico dispieghi i suoi effetti sul territorio. Vogliamo iniziare a spiegare alla gente che la sanità territoriale può iniziare a farsi carico dell’assistenza ai pazienti Covid e che le strutture ospedaliere del territorio non siano più costrette a cancellare visite specialistiche o interventi attesi da tempo. Vogliamo, in pratica, poter dire che lo Stato tutela il diritto alla salute di tutti. Chiediamo, inoltre, al Governo rinforzi. Chiediamo se necessario di inviare l’esercito. Comprendiamo la volontà di voler evitare assolutamente un nuovo lockdown generalizzato e lasciare che siano le autorità locali a scegliere quali restrizioni aggiungere a quelle previste dal Dpcm del 3 novembre ma se noi sindaci variamo ordinanze abbiamo bisogno del supporto dell’esercito e di più forze dell’ordine affinché queste regole siano fatte rispettare. E’ impensabile credere che le Polizie Municipali, ovunque ridotte all’osso, possano da sole realizzare un capillare controllo dei vari territori. Noi le ordinanze siamo pronti a firmarle, ci siamo sempre assunti le nostre responsabilità, e siamo pronti a farlo a manche ora nel chiudere strade, piazze e luoghi di ritrovo ma ci ritroviamo bersagliati di critiche, a volte anche dileggiati e questo ci ferisce profondamente perché sono mesi che siamo in trincea a combattere, spesso da soli. Auspichiamo un rapido riscontro a questo grido di aiuto".
(Visited 742 times, 1 visits today)
Share