Sant’Arpino, Della Rossa:”Inqualificabile comportamento del sindaco di fronte alla morte di mio cognato Carmine”

SANT'ARPINO. Non si sarebbero presentati al funerale di un ex Lsu del Comune, i membri dell'amministrazione comunale, perché era imparentato con un candidato del gruppo politico avversario. Questa la tesi di Nicola Della Rossa che pochi minuti fa ha rilasciato dichiarazioni in merito alla questione.

"È sconcertante ed inqualificabile il comportamento che il sindaco Giuseppe Dell'Aversana e la sua maggioranza hanno avuto di fronte alla scomparsa e ai funerali di mio cognato Carmine Indaco, - ha dichiarato Della Rossa - Lsu del Comune di Sant'Arpino che per anni ha lavorato presso il Cimitero. Non ci sono parole che possano descrivere la vergogna che dovrebbero provare questi "signori" per quello che hanno fatto ed è giusto che tutti sappiano! Probabilmente per "punizione" per essermi candidato con Eugenio Di Santo, come un dittatore che impone le sue regole, il sindaco Dell'Aversana ha disposto che non venissero affissi manifesti di condoglianze da parte dell'amministrazione, o meglio ne hanno affisso soltanto UNO! Ha inoltre ordinato che nessuno degli amministratori venisse a fare le condoglianze ma poi, visto che qualcuno gli ha fatto notare che stava superando ogni limite, sapete cosa ha fatto? Ha fatto inviare, solo successivamente un telegramma di condoglianze. Un telegramma! E non ancora contento, il 12 gennaio, dopo ben 3 giorni, ha fatto scrivere in un post su Facebook che lui, sindaco e residente a Sant'Arpino, avrebbe saputo solo dopo 3 giorni della morte di mio cognato! Come si fa ad arrivare a questo punto? Come si fa a mancare di rispetto ad un uomo come mio cognato Carmine che per anni ha lavorato per il Comune, da tutti conosciuto per la sua bontà e disponibilità? Come è possibile che un sindaco arrivi a tanto? E questo dopo avermi elogiato, con falsità, in un post su facebook solo qualche settimana fa in occasione del mio pensionamento. E credetemi, stento ancora a credere che possa essere vero, perché più volte sindaco e amministratori hanno dimostrato di conoscere una sola regola, quella della PUNIZIONE e della VENDETTA per chi non obbedisce si loro ordini, ma mai e poi mai avrei potuto immaginare che arrivassero a questo punto! Vergogna è l'unica parola che mi sento di pronunciare e spero che, per quello che hanno fatto di fronte ad un evento così tragico, faccia vergognare sindaco e maggioranza per il resto della loro vita!

(Visited 556 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *